Login

Lost your password?
Don't have an account? Sign Up

L’ascolto profondo

 

 

 

“Mi sento giù oggi”. “Ho un peso sullo stomaco”. “La mente è confusa”. I pensieri straripano, la mente avverte vuoto oppure, al contrario, turbolenza. Ogni giorno nel lavoro, in famiglia, nella scuola, entriamo in contatto con richieste di aiuto che provengono da persone in ansia, tristi, depresse, arrabbiate. Cosa fare? Mettersi a dare consigli? Fuggire? Fingere? Comunicare stati d’animo generati dalla vita quotidiana come la confusione, la rabbia, la tristezza, l’infelicità, è molto importante perché aiuta a riconoscerli e trasformarli. Ma perché siano comunicati occorre rivestire i panni della persona in difficoltà, stabilire empatia, conquistarsi la sua fiducia. E tutto questo richiede un atteggiamento di ascolto profondo. Ascoltare profondamente non significa avere sempre la risposta giusta ma accogliere emozioni difficili senza soffocarle con l’offerta di giudizi, suggerimenti, interpretazioni. Il senso di sollievo generato da una relazione di ascolto che giunge fino al mondo interiore consente di esplorare la sofferenza e di scoprire che al suo interno vi sono anche potenzialità positive, cioè possibili soluzioni.

 

Jerome Liss, psicoterapeuta, è stato professore ordinario all’Istituto di psicologia clinica dell’Università di La Jolla (Svizzera)

 

Casa Editrice: Edizioni La Meridiana, 2022

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Perché è un libro importante per un formatore?

 

Questo libro, puntuale, concreto e immediato come una guida, non è rivolto a una particolare categoria di persone, ma all’adulto che intende provare quella sensazione di pienezza generata dall’esperienza di una comunicazione autentica.

 

 

Autore

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*